Di Alan Mozes
HealthDay Reporter

VENERDÌ 9 giugno 2017 (HealthDay News) – L’esercizio non si limita a tagliare la pancia. Può anche migliorare lo spessore osseo, aumentare la qualità ossea e ridurre il grasso trovato all’interno delle ossa, suggerisce una nuova ricerca sugli animali.

Sì, c’è grasso nel midollo osseo.

Il lavoro con i topi ha anche scoperto potenzialmente buone notizie per coloro che lottano con l’obesità.

L’esercizio-vale a dire l’esecuzione-ha provocato un restringimento delle dimensioni delle cellule adipose all’interno del midollo osseo di topi magri e obesi. Ma solo i topi obesi hanno subito un calo significativo della quantità di cellule adipose nelle loro ossa.

“L’esercizio rafforza l’osso”, ha detto l’autore principale dello studio Dr. Maya Styner, “e questo è ampiamente noto.”

“Tuttavia, sembra che questo sia ancora di più nei topi obesi che esercitano”, ha detto Styner, un assistente professore di endocrinologia e metabolismo presso l’Università della Carolina del Nord a Chapel Hill.

Ha aggiunto che lei e i suoi colleghi sono rimasti sorpresi “da quanto significativamente l’esercizio fisico fosse associato ad una maggiore qualità ossea nei topi magri e obesi.”

Ma resta da vedere se i risultati reggeranno nelle persone, poiché “la ricerca nei topi non è direttamente traducibile con la condizione umana”, hanno ammonito i ricercatori.

Tuttavia, Styner ha sottolineato che “i tipi di cellule staminali che producono ossa e grasso nei topi sono gli stessi che producono ossa e grasso negli esseri umani.”

Fino ad ora, hanno detto i ricercatori, si pensava che il grasso nel midollo osseo fosse diverso da altri tipi di grasso corporeo e non si consumasse come fonte di energia durante l’esercizio.

Ma il nuovo studio suggerisce che questo potrebbe non essere vero.

Gli scienziati hanno raccolto due gruppi di topi per lo studio: 14 topi magri allevati con una “dieta normale” e 14 topi obesi allevati con una dieta ricca di grassi.

A 4 mesi di età, metà dei topi obesi e metà dei topi magri hanno ricevuto una ruota da corsa.

Sei settimane dopo, le misurazioni ossee hanno rivelato che le ossa dei corridori di roditori magri e obesi erano all’incirca più dense del 20%, ha detto Styner.

Dimensione delle cellule di grasso anche ridotto in modo significativo in tutti i topi che correvano di routine.

Ma mentre i topi magri non hanno mostrato alcun cambiamento nel numero di cellule adipose trovate nelle loro ossa, i topi obesi che correvano hanno perso più della metà delle loro cellule adipose rispetto ai topi obesi sedentari.

Anche la corsa sembrava favorire i topi obesi quando si trattava di migliorare lo spessore osseo.

Tuttavia, Styner ha detto che la” fisiologia sottostante ” dietro lo stoccaggio del grasso rimane poco conosciuta. E il come e perché dietro l’impatto dell’esercizio sulla composizione del grasso osseo rimane torbido.

Ha detto che il suo attuale focus è sulla continua ricerca sugli animali. Ma il team di ricerca ha detto che tali studi potrebbero eventualmente indicare modi di preservare e migliorare la salute delle ossa nei pazienti con diabete, artrite, anoressia e uso di steroidi a lungo termine.

Il Dr. Robert Recker, past president della National Osteoporosis Foundation, ha descritto i risultati attuali come ” interessanti.”

” Tuttavia, le ossa dei roditori si comportano in modo diverso rispetto alle ossa umane”, ha detto Recker, direttore del Centro di ricerca sull’osteoporosi della Creighton University School of Medicine a Omaha, Neb. Nel normale corso degli eventi, la crescita ossea-chiamata anche metabolismo osseo-si svolge in un modo molto diverso nei topi rispetto alle persone, ha osservato.

Tuttavia, Recker ha aggiunto che dovrebbe essere fatto uno sforzo per esplorare le dinamiche del grasso osseo nelle persone. “Questo deve essere fatto”, ha detto.

I risultati dello studio sono stati pubblicati nell’attuale numero del Journal of Bone and Mineral Research.