225shares
  • Condividi
  • Tweet
  • Pin
Come Fare il Biancospino Tintura

È sorprendentemente facile da fare biancospino tintura, con o senza alcool. Il biancospino è un’erba curativa incredibilmente potente, piena zeppa di composti naturali. Bacche di biancospino, fiori, foglie e corteccia sono tutti usati per trattare una varietà di disturbi, in particolare quelli associati al cuore, alla digestione, alla salute mentale, ai disturbi della pelle e altro ancora.

La più antica erba curativa conosciuta, il biancospino ha anche proprietà immunostimolanti, antinfiammatorie e di benessere generale. Puoi imparare tutto sui benefici per la salute del biancospino qui.

Fare una tintura è un modo brillante per conservare e utilizzare il biancospino e altre piante medicinali anno dopo anno. Imparare a fare una tintura è un’opzione intelligente, se si vuole partecipare alla bontà della natura o sono un prepper che vuole stabilire forniture salutari.

Non è necessario fare una quantità enorme, come un po ‘ va un lungo cammino, come la tintura matura è altamente concentrato e potente. E, a causa del modo in cui fai una tintura, viene rapidamente assorbita dal corpo e si mette al lavoro velocemente, specialmente se la metti sotto la lingua.

Puoi scoprire come identificare e raccogliere il biancospino in questo post. Ma, come una panoramica generale, assicurarsi che siete assolutamente certi che cosa si sta raccogliendo è biancospino, e per favore, si prega di foraggio in modo responsabile. Non raccogliere più della metà di qualsiasi pianta e non foraggiare da più della metà delle piante in un’area. Stai cercando di lavorare con la natura, quindi rispettala, non violentarla.

Ricorda, hai bisogno di queste piante native per essere generose e per diffondersi e crescere per gli anni a venire. Inoltre, sei solo un elemento nell’ecosistema delicatamente equilibrato, quindi solo la raccolta della metà o meno assicura che ci sia molto da nutrire la fauna selvatica e coltivare nuove piante per il raccolto negli anni successivi.

Le bacche di biancospino sono velenose?

Sento molto questa domanda e vedo un sacco di allarmismo online sulla natura velenosa del biancospino. Ma ecco la cosa: sì, le fosse oi semi delle bacche di biancospino contengono cianuro.

Queste piccole bacche scarlatte sono strettamente correlate alle mele e, proprio come i semi di mela, i semi di bacche di biancospino contengono una piccola quantità di cianuro. Ma ancora una volta, proprio come i semi di mela, sono così piccoli, dovresti mangiarne un sacco per farti del male. Tuttavia, con questa ricetta di tintura di biancospino e la maggior parte delle altre ricette di bacche di biancospino, i semi vengono scartati.

Quanto dura la tintura di biancospino?

Dipende dal menstruum, noto anche come base o solvente, che si sceglie. E quanto bene lo conservi.

Le tinture alcoliche possono durare fino a cinque anni (o più – a seconda dei consigli che ascolti). Normalmente non durano così a lungo in casa mia-faccio abbastanza per durare la mia famiglia un anno o giù di lì, poi fare un lotto fresco la stagione successiva.

Le tinture di aceto durano fino a tre anni, mentre le tinture di glicerina durano fino a due anni, quindi qualunque sia la mestruazione scelta, il prodotto finale durerà per un considerevole periodo di tempo.

L’aceto di sidro di mele (questa è una grande scelta biologica che contiene la Madre) è un’ottima scelta per chiunque voglia o debba evitare l’alcol, poiché beneficia delle proprietà salutari dell’ACV e della tintura. Basta ricordare, se si sceglie di fare una tintura di aceto di sidro di mele, utilizzare ACV crudo, non filtrato che contiene ancora la madre.

La tintura di biancospino alla glicerina è una buona scelta per coloro che non tollerano alcol o aceto o per i bambini che generalmente trovano più facile prendere una tintura più dolce. Assicurati di scegliere la glicerina vegetale alimentare.

Se stai facendo una tintura di bacche di biancospino, molte persone scelgono di usare alcol di grano a prova di 100. Fino a quando si tratta di un minimo di 80 prova, è possibile utilizzare qualsiasi tipo di alcol – brandy, rum, gin, vino, vodka – qualunque sia la vostra preferenza.

Come fare una tintura di biancospino

In primo luogo, raccogli le bacche di biancospino. Se non sai come, leggi Come foraggiare il biancospino. Puoi ordinare bacche di biancospino essiccate se è fuori stagione o non hai alcuna crescita vicino a te, anche se ovviamente fresca è la mia preferenza. Se devo ordinare il biancospino secco, uso queste bacche (sono biologiche e in un sacchetto richiudibile) e questi fiori (consigliamo questi).

Lavare accuratamente le bacche e rimuovere eventuali detriti.

Tritare grossolanamente le bacche o, come me, metterle in una grande ciotola e schiacciarle un po ‘ con l’estremità di un mattarello. Questo aiuta ad abbattere le bacche e inizia il processo dei nutrienti che vengono lisciviati nel ciclo mestruale.

Quindi, prendi un barattolo abbastanza grande da contenere le bacche e il doppio del liquido, puliscilo e disinfettalo accuratamente. Quindi posizionare le bacche spezzate nel barattolo e aggiungere la base liquida. Il rapporto per tinture di alcol, ACV e glicerina quando si usano bacche fresche è 1:2-quindi una parte bacche fresche a due parti menstruum.

Se stai usando bacche essiccate, avrai bisogno di un rapporto di 1:5 – una parte di bacche di biancospino essiccate a cinque parti mestruali.

Sigillare il barattolo e agitare energicamente. Conservalo in un luogo fresco e buio per almeno 4 settimane – 6 o 8 settimane, preferibilmente, per estrarre il maggior numero possibile di proprietà salutari dalle bacche. Assicurarsi di agitare vigorosamente la miscela ogni giorno per le prime due settimane per il miglior risultato, quindi passare a ogni due o tre giorni.

Mi piace etichettare il barattolo con la data in cui l’ho realizzato e la prima data in cui sarà pronto. Una volta che è il momento di iniziare a utilizzare la tintura di biancospino, è necessario filtrarla.

Hai un paio di opzioni per sforzare la tintura di biancospino. È possibile utilizzare un pezzo pulito di mussola appeso sopra una brocca o un barattolo o utilizzare carta o filtro da caffè riutilizzabile. Se si va con il filtro di carta, il modo più semplice è quello di mettere il filtro all’interno di un imbuto e mettere l’imbuto nella bocca del recipiente. Lo sforzo è un processo lento, quindi riempio il mio filtro e lo lascio, tornando indietro ogni poche ore per rimuovere i rifiuti e rabboccare il filtro.

Una volta che è tesa e la tintura di biancospino è ben chiara, è pronta per decantare in bottiglie più piccole. Preferisco bottiglie di vetro ambrato o bottiglie di vetro blu cobalto perché filtrano la luce UV e fermano la tintura che diventa cattiva. Uso anche bottiglie con tappi contagocce, poiché è facile somministrare la tintura di biancospino in questo modo.

Utilizzare sempre bottiglie di vetro-mai plastica o metallo. Il vetro è inerte, quindi non interagirà con nulla nella tua tintura. E ‘ anche facile da disinfettare, e non liscivia eventuali tossine potenziali nella vostra tintura.

Ricordati di etichettare la tua tintura con quello che è, il rapporto che hai usato, il ciclo mestruale che hai scelto e quando l’hai decantato.

vaso di vetro per tintura di biancospino

Ecco fatto! Ora sei pronto a goderti i benefici per la salute della tua tintura di biancospino fatta in casa. La tintura di biancospino fa anche un bel regalo fatto a mano per chiunque, come te, voglia godere dei benefici per la salute della generosità della natura. Se lo fai regalo, assicurati di includere una piccola carta che spiega di cosa si tratta, quali sono i benefici e come consumarlo.

Parlando di consumo – con tintura di biancospino e qualsiasi altra tintura, è una forte infusione, quindi un po ‘ fa molta strada. Io uso solo 3 a 5 mls al giorno (fino a un cucchiaino o un contagocce da 5 ml). Viene assorbito rapidamente nel corpo, in particolare se lo si lascia cadere sotto la lingua.

Per coloro che non amano cadere direttamente in bocca, è facile mascherare il gusto forte mettendolo in un bicchiere di succo di frutta. Alcune persone aggiungono anche la loro tintura a una bevanda calda come il tè alla frutta con il miele.

Non dimenticare di iscriverti alla nostra newsletter per la tua copia gratuita di 1 Settimana per un più verde.

225shares
  • Condividi
  • Tweet
  • Pin