Brynlee Alice Jean Bledsoe è ancora troppo giovane per conoscere il significato, ma un giorno lei capirà che il suo secondo nome in onore di due delle donne che hanno contribuito a liberare il padre dalla prigione nel 2015.

Brynlee, che compirà 2 anni il mese prossimo, e i suoi due fratelli maggiori stanno facendo passare il tempo molto più rapidamente per Floyd Scott Bledsoe di quanto non abbia fatto mentre trascorreva quasi 16 anni dietro le sbarre.

Questo martedì, Dic. 8, segnerà cinque anni da quando Bledsoe, ora 43, è stato rilasciato dal carcere dopo il DNA e altre prove hanno dimostrato che non ha ucciso il suo 14-year-old sorella-in-law nel 1999.

Gli avvocati del progetto Paul E. Wilson dell’Università del Kansas per l’innocenza e i rimedi post-condanna e il progetto Innocenza del Midwest hanno lavorato per anni sul caso di Bledsoe. Sono ancora nella foto, e sono diventati come una famiglia, anche, ha detto Bledsoe.

La vita di Bledsoe è molto più felice ora, ma ha detto che sta ancora affrontando le conseguenze del trauma e il tempo che non tornerà mai più. Sta anche ancora combattendo per la responsabilità degli attori statali responsabili del suo caso e di altri simili.

‘voglio risposte’
All’età di 23 anni, Bledsoe è stato condannato in primo grado per omicidio, aggravato, sequestro di persona e aggravata indecente la libertà di un bambino, nel 1999, la ripresa morte di Zetta “Camille” Arfmann vicino oskaloosa (kansas), nonostante il fatto che suo fratello, Tom, aveva già confessato lo stupro e l’omicidio, prima di Bledsoe è mai stato addebitato con la criminalità.

Ma Tom in seguito ritrattò, dicendo che confessò perché Bledsoe minacciò di rivelare incidenti imbarazzanti nel passato di Tom se non lo avesse fatto. Bledsoe fu condannato dopo un processo con giuria di tre giorni e condannato all’ergastolo.

Nel dicembre 2015, un giudice della contea di Jefferson ha ordinato a Bledsoe di essere rilasciato dalla prigione dopo che i risultati dei test del DNA a lungo ricercati e altre nuove prove hanno dimostrato che non avrebbe potuto essere l’autore, ha riferito il Journal-World.

Le nuove prove includevano una nota di suicidio che Tom scrisse confessando il crimine, dicendo che la colpa lo aveva perseguitato per anni e che il pubblico ministero sul caso gli aveva detto di tenere la bocca chiusa, secondo quanto riportato dal Journal-World. Tom, 41, è stato trovato morto nella sua auto nel novembre 2015 a Bonner Springs, apparentemente per suicidio.

Bledsoe ha una causa in corso presso il Tribunale distrettuale degli Stati Uniti per il distretto del Kansas. Il caso, archiviato a maggio 2016, sostiene una cattiva condotta da parte delle forze dell’ordine e dell’avvocato della contea di Jefferson responsabile dell’indagine e dell’accusa. Più di recente, in un memorandum di 162 pagine archiviato novembre. 18, il giudice distrettuale degli Stati Uniti Daniel Crabtree ha negato la mozione degli imputati per respingere il caso.

Le accuse che la sua causa fa contro i funzionari della contea di Jefferson includono la ritenuta di prove — ad esempio, a Bledsoe e al suo avvocato è stato detto che un test del DNA sul kit di stupro raccolto dal corpo di Arfmann era negativo; in realtà, il test era stato fermato da un ordine di arresto e non è mai stato

Il caso sostiene anche che gli investigatori non sono riusciti a raccogliere prove dal veicolo di Tom, inclusa una pala che Tom ha affermato che Bledsoe aveva usato per seppellire il corpo.

Bledsoe ha anche detto che alcuni pensavano che non potesse essere stato Tom perché è stata trovata una ricevuta con data e ora con il tempo di 4:30 di venerdì, novembre. 5, 1999, circa quando la ragazza è scomparsa — ma era in tempo militare, cioè 4:30 del mattino, non il pomeriggio, ha detto Bledsoe.

Nel frattempo, la posizione di Bledsoe è stata contabilizzata, fino a quella domenica in cui è stato trovato il corpo della ragazza, secondo la causa. Ma l’investigatore principale si era stabilito su Bledsoe come il sospetto immediatamente dopo la scomparsa della ragazza, sostiene la causa.

Anche cinque anni dopo che la sua condanna è stata annullata, Bledsoe ha detto che ancora non sa perché lo stato si sia attaccato al caso contro di lui — intenzionalmente e maliziosamente, secondo la causa — nonostante le prove schiaccianti della colpevolezza di suo fratello.

“Voglio risposte, sai,” disse Bledsoe. “E potrei non averli mai.”

Cambiamenti nel sistema
Bledsoe ha detto che uno dei principali cambiamenti che ha visto nei 20 anni dalla sua condanna è stato il passaggio del legislatore del Kansas di una legge che richiede alle forze dell’ordine di registrare interrogatori in casi di omicidio e crimine sessuale. L’ex governatore Sam Brownback lo ha firmato in legge a maggio 2017.

Bledsoe aveva testimoniato a favore del disegno di legge. Ha detto che è importante ” in queste piccole città, con queste persone che pensano di essere al di sopra della legge o sono la legge, e possono scegliere.”

Se la legge fosse stata in vigore nel 1999, avrebbe potuto fare una grande differenza nel suo caso, ha detto Bledsoe. Le sue dichiarazioni alla polizia — mantenendo la sua innocenza per ore di interrogatorio — sono state registrate, ma suo fratello non lo erano, ha detto. I giurati non avevano alcuna possibilità di ascoltare le dichiarazioni contraddittorie di Tom da soli.

Questa è stata una scelta fatta dalle forze dell’ordine, ha detto Bledsoe, e vuole ancora vedere le persone essere ritenute responsabili per questo.

“Se avessero fatto il loro lavoro all’inizio, sai, non avrei perso 16 anni”, ha detto Bledsoe. “Ma a causa della loro negligenza, a causa delle loro decisioni volontarie, questo è ciò che è diventato di esso.”

La licenza legale del procuratore nel caso di Bledsoe è sospesa a tempo indeterminato, secondo i registri della Corte Suprema del Kansas. Ma Bledsoe ha detto che vuole vedere la fine dell’immunità dalle accuse penali per i pubblici ministeri che commettono torti palesi nei casi.

“È tornato alle singole persone che fanno scelte sulla vita di qualcuno, ed è qui che la responsabilità deve entrare e accadere”, ha detto Bledsoe, “perché quelle persone hanno scelto le cose che hanno fatto.”

Ha detto che non pensava che ogni piccola infrazione meritasse un’accusa, ma quando ci sono problemi importanti come la ritenuta di prove chiave o la fabbricazione di testimonianze, ” ci deve essere responsabilità per questo. Abbiamo bisogno di un modo per tenere a freno i procuratori disonesti e gli ufficiali disonesti.”

L’esonero non sarebbe sufficiente, disse Bledsoe.

” Se tu o io facciamo quello che fanno, allora affrontiamo accuse penali”, ha detto, ” quindi perché non dovrebbero?”

Nel 2018, tre anni dopo il suo rilascio, lo stato ha emanato uno statuto di condanna errata, in base al quale Bledsoe ha presentato un reclamo. A maggio 2019, lo stato ha accettato di pagargli million 1.03 milioni, ma la sua causa federale è ancora in sospeso.

‘Sono stato davvero benedetto’
Bledsoe, parlando telefonicamente da Hutchinson venerdì, ha detto che è ancora un po ‘ surreale per lui che sono passati cinque anni da quando è stato rilasciato.

Ha descritto la sua vita domestica ora. Gli piace essere fuori nel paese, ha detto.

“Abbiamo una piccola superficie al di fuori di Hutch”, ha detto. “Abbiamo un paio di mucche e un paio di cani e alcuni polli.”

Ha sposato sua moglie, Amanda Ingram, nel 2016. Blake, 5, è il figlio di Bledsoe per matrimonio; figlio Bryce, 3, e la figlia Brynlee completano la famiglia.

“Sono stato davvero benedetto con alcuni grandi bambini”, ha detto. “Abbiamo un sacco di divertimento, e basta prendere ogni giorno e godere.”

Gli avvocati del progetto Innocence che hanno lavorato al suo caso — Alice Craig di KU, Jean Phillips ed Elizabeth Cateforis, e Tricia Rojo Bushnell di MIP, per citarne alcuni — sono ancora “molto parte della mia vita”, ha detto Bledsoe. Ha scherzato sul fatto che sua moglie gli ha fatto tagliare i secondi nomi di Brynlee a due.

“È grazie a loro che faccio quello che faccio in un giorno, o posso fare quello che faccio oggi”, ha detto Bledsoe. “me Mi incoraggiano ogni volta che sono giù; mi danno consigli ogni volta che ne ho bisogno.”

Sta lavorando per una no-profit chiamata Freedom Challenge che fa programmazione per aiutare i detenuti presso la struttura correzionale di Hutchinson. Era un partecipante al programma mentre era incarcerato, ha detto.

Alcuni potrebbero pensare che Bledsoe vorrebbe arrivare il più lontano possibile — “Non saresti il primo”, disse con una risata.

Lavora con “circa 25 ragazzi”, ha detto. Il gruppo ricicla materassi e costruisce vari prodotti dai materiali riciclati, Bledsoe ha detto. Secondo il sito web del Kansas Department of Corrections, ” Come l’unico centro di riciclaggio dei materassi in Kansas, la struttura ha riciclato più di 17.000 materassi, che consisteva in 46.000 libbre di schiuma, 287.000 libbre di acciaio, 22.000 libbre di legno e 46.000 libbre di cotone.”

Insegna anche abilità occupazionali ai detenuti nell’unità Sud di Hutchinson.

“Voglio aiutare i ragazzi a trasformare le loro vite ed essere in grado di avere successo quando escono di prigione”, ha detto.

Bledsoe ha detto che ha il suo occhio su alcuni casi in corso in Kansas, e lo fa rimanere attivo con il Progetto Innocenza, tra cui partecipare alla sua conferenza annuale. Viaggia anche e fa parlare impegni in vari college.

Centinaia partecipano alle conferenze, Bledsoe ha detto, e ha fatto un sacco di connessioni. Ha detto che è buon amico dei compagni scagionati Amanda Knox, Ryan Ferguson e Eddie Lowery.

Allora, quando uscirà il suo documentario Netflix?

“In realtà, ho una troupe cinematografica che vuole farne uno”, ha detto Bledsoe. “Non lo so se sarà Netflix, ma sì.”

Nel 2015, ha mostrato al Journal-World alcuni dipinti che aveva completato in prigione. Ha detto che dipinge ancora quando riesce a trovare il tempo — ma ha molto meno sulle sue mani al giorno d’oggi.