Post sul blog di CharityHowTo Expert Diane H. Leonard, GPC

Hai appena iniziato a scrivere grant e stai cercando di essere competitivo con le domande che invii? Che tu sia relativamente nuovo nel campo della ricerca di sovvenzioni o che tu stia cercando di aumentare il tuo successo e creare domande di sovvenzione più competitive, abbiamo alcuni consigli utili relativi alle migliori pratiche di ricerca di sovvenzioni.

Seguendo questi suggerimenti sarà mettere a punto il vostro approccio alle domande di sovvenzione e, infine, aumentare la vostra concessione in cerca di successo.

1. Segui le 5 Rs di grant seeking

Gli scrittori di grant raramente sanno esattamente chi esaminerà le proposte di sovvenzione che hanno trascorso così tante ore a lavorare. È lecito ritenere che abbiano una certa esperienza in materia e che abbiano ricevuto una certa formazione per la concessione, ma il loro livello di istruzione ed esperienza nella concessione rimane un mistero.

Con così tanta incertezza e spazio per le ipotesi da fare, come possono i professionisti di grant lasciare costantemente un’impressione positiva sui loro revisori delle domande di sovvenzione?

Uno dei modi migliori è quello di conoscere le cinque Rs di grant seeking: prontezza, ricerca, relazioni, scrittura e reporting. Come si familiarizzare con la sovvenzione che ti interessa, accuratamente la ricerca della sovvenzione e il grantmaker, costruire relazioni grantmaker, perfezionare la vostra scrittura, e riferire i risultati del finanziamento. Segui questi principi e non solo avrai una possibilità molto migliore di ottenere il finanziamento iniziale; probabilmente continuerai a essere finanziato in futuro.

2. Conoscere le qualità di proposte eccellenti

Non importa il vostro programma di messa a fuoco, ci sono numerose qualità chiave che descrivono eccellenti proposte. Mentre queste qualità sono di natura soggettiva, sono qualità che si dovrebbe lottare per in tutte le vostre proposte di finanziamento.

  • Chiarezza: Gli obiettivi e gli obiettivi del progetto dovrebbero essere misurabili e il piano di valutazione per il progetto è chiaro e basato sui risultati.
  • Conciso: la risposta dovrebbe rispondere direttamente alla domanda e contenere informazioni pertinenti.
  • Convincente: La proposta deve essere scritta in un modo che lascia il lettore/recensore che vogliono agire sulla tua idea.

3. Essere grant-ready prima di iniziare ad applicare

Grant readiness è un’altra frase per la competitività nel processo di ricerca delle sovvenzioni. Significa che hai esaminato il quadro formale, come il tuo IRS, grants.gov, e registrazioni specifiche di stato. Significa anche che hai esaminato i singoli produttori di sovvenzioni e valutato se sei un candidato forte per il loro processo.

La mancata valutazione della disponibilità della sovvenzione prima di iniziare a presentare domanda diminuirà la competitività complessiva, aumentando così il numero di lettere di rifiuto che riceverai.

4. Fai il tuo lavoro su ogni grantmaker

La tua ricerca iniziale su un grantmaker dovrebbe essere incentrata sulle parole chiave per le loro priorità di finanziamento, il loro processo di domanda e la loro scadenza per la domanda. È inoltre necessario capire di più sulla loro recente storia grantmaking come parte del vostro lavoro e di apprendimento.

Dovresti anche guardare dove vengono assegnate le sovvenzioni geograficamente e come tali posizioni si riferiscono alla loro priorità geografica complessiva dichiarata. Scopri qual è la loro dimensione media e mediana del premio di sovvenzione e vedi come tali importi si confrontano con ciò che stavi pianificando di richiedere tramite la tua applicazione.

Assicurati di imparare quanti più dettagli possibili in modo da porre le domande giuste quando raggiungi un grantmaker per iniziare a costruire una relazione.

5. Avere un calendario delle sovvenzioni

Un calendario delle sovvenzioni è un meccanismo fondamentale per gli scrittori di sovvenzioni/professionisti delle sovvenzioni da utilizzare per tenere traccia di tutte le scadenze delle domande che affronteranno durante un anno fiscale.

Lo strumento specifico che usi per documentare e gestire le scadenze non è ciò che aiuterà il tuo piano a riuscire, però. Il successo del vostro piano si tradurrà come si utilizza il calendario per stabilire le scadenze per l’anno fiscale, fare un piano per redigere scadenze per ogni applicazione, e includere lo sviluppo delle relazioni e gli sforzi di manutenzione per quei grantmakers che l’organizzazione intende richiedere fondi da.

Mentre molti scrittori di sovvenzioni possono avere una qualche forma di un calendario di sovvenzioni sviluppato, ci sono due aree che tendono ad avere bisogno di miglioramenti. In primo luogo, il calendario dovrebbe essere inquadrato come un rotolamento 12 mesi invece di essere sempre inquadrato come solo l’anno fiscale dell’organizzazione. In secondo luogo, il calendario delle sovvenzioni non deve essere mantenuto sulla workstation o sul desktop di un individuo. Un calendario di grant è pensato per essere facilmente accessibile e visibile al team di grant, anche se non visitano il calendario tutte le volte che il professionista di grant guida i loro sforzi.

6. Ricorda che le sovvenzioni sono guidate da relazioni

La costruzione di relazioni è tanto importante nella ricerca di sovvenzioni quanto in tutti gli altri elementi della raccolta fondi. Quando si raggiunge fuori per grantmakers, si dovrebbe sempre essere preparati con questi tre punti di discussione:

  • Una breve presentazione di chi sei, quale organizzazione si sono (non sempre in tutta la tua missione e di tutti i programmi), e le informazioni su dove si intende di base o implementare il proprio lavoro, soprattutto se il grantmaker non si trova nello stesso luogo geografico).
  • Un elevator pitch di 30 secondi sul perché pensi che la tua organizzazione sia un forte potenziale partner di finanziamento basato sulla tua ricerca del loro finanziamento e della recente storia delle sovvenzioni.
  • Fino a tre domande ponderate a cui non è stata data risposta attraverso la ricerca dei loro materiali, ma che potrebbero aiutarti a personalizzare la tua proposta per essere più competitiva nel loro processo.

7. Esprimi gratitudine di livello successivo al di fuori dei rapporti richiesti dall’IRS

Dopo aver ottenuto il finanziamento della sovvenzione, inizia il duro lavoro di implementazione del progetto/programma come descritto. Una volta firmato e restituito il contratto di sovvenzione o il riconoscimento di aver ricevuto i fondi, è necessario seguire le idee per esprimere i ringraziamenti per i soldi.

Cerca modi unici e riflessivi per mostrare genuina gratitudine ai tuoi grantmakers attraverso cose come case aperte, inviti per visite in loco, note di ringraziamento scritte a mano dai partecipanti e altre idee personalizzate.

8. Includi sempre obiettivi INTELLIGENTI nella descrizione del progetto

Dovresti sempre usare un obiettivo INTELLIGENTE per monitorare i tuoi progressi. Un obiettivo INTELLIGENTE è:

  • Specifica: Fornire il “chi” e “cosa” delle attività del programma. Maggiore è la specificità, maggiore è la misurabilità.
  • Misurabile: quantificare la quantità di cambiamento previsto. È impossibile determinare se gli obiettivi sono stati raggiunti se non possono essere misurati.
  • Realizzabile: gli obiettivi del programma devono essere raggiungibili entro un determinato lasso di tempo, e deve essere chiaro ai revisori come si prevede di raggiungerli.
  • Pertinente / Realistico: Affronta con precisione l’ambito del problema e i passaggi programmatici che implementerai per risolvere il problema.
  • Tempestivo: fornire un lasso di tempo che indica quando l’obiettivo sarà misurato o una scadenza per l’obiettivo da raggiungere entro.

9. Valuta a fondo il tuo impatto

Uno dei punti di stress più comuni nella narrativa della domanda di sovvenzione è la sezione di valutazione. Non tutti i grantmaker forniscono aspettative chiare o descrivono come appare loro una valutazione significativa. Se non spiegano cosa si aspettano di accadere con il loro finanziamento, abbiamo delineato alcune domande che ti guideranno attraverso una valutazione.

La sezione di valutazione della tua proposta dovrebbe affrontare quanto segue:

  • Chi è responsabile della misurazione del risultato?
  • Quali strumenti vengono utilizzati per misurare il risultato?
  • Quando viene misurato il risultato?
  • Perché il risultato viene misurato nel modo presentato?

Non dovresti trascurare o scartare gli strumenti che già usi come organizzazione o il modo in cui raccogli e analizza automaticamente quei dati. Una forte sezione di valutazione di una domanda di sovvenzione non significa necessariamente nuovi strumenti di valutazione e valutatori esterni.

10. Assicurati che il tuo budget racconti la tua storia

Il tuo budget racconta la storia della tua applicazione. Guardando il documento di bilancio di una pagina può aiutare un grantmaker capire rapidamente se sono l’unico sostenitore di un progetto o programma rispetto a uno dei tanti. Può anche aiutarli a capire se il tuo programma/progetto dipende fortemente dal personale per avere successo o se è più focalizzato su forniture e attrezzature.

La storia del budget, sebbene spesso creata formalmente dal tuo dipartimento finanziario, deve essere coerente con le informazioni che condividi durante la tua narrazione. Verificare che i dettagli del budget e le giustificazioni del budget siano in linea con la descrizione del programma e i dettagli condivisi nella narrazione dell’applicazione.

11. Non auto-modificare la tua proposta

Mentre ciò che hai scritto potrebbe leggerti bene, sei troppo vicino al lavoro per vedere dove hai fatto ipotesi sulla conoscenza del recensore. Sei anche troppo vicino al lavoro per agire come un editor di copia efficace.

I nostri occhi e il nostro cervello vedono e leggono ciò che dovrebbe essere nel testo, piuttosto che ciò che potrebbe mancare. Per massimizzare il successo della ricerca di sovvenzioni, è necessario identificare e coinvolgere un editor di copia efficace all’interno dell’organizzazione come parte del team di concessione. Hai bisogno di feedback sulla tua grammatica, sul tuo stile di scrittura e sui dettagli di supporto.

12. Creare un processo di revisione fittizia per le applicazioni

Un processo di revisione fittizia è un ulteriore passaggio di revisione per le applicazioni dell’organizzazione. Si concentra su come il lavoro scritto si allinea con le linee guida e criteri di revisione del grantmaker. Si tratta di un passo in più, ma che può aumentare notevolmente la competitività di una proposta ben scritta.

Mentre la modifica delle copie (come discusso nel suggerimento precedente) è fondamentale per la comprensione del materiale da parte di un revisore e la loro facilità di lettura, il processo di revisione simulata garantisce che ciò che il revisore sta leggendo risponda alle domande del grantmaker in modo approfondito e in un modo che si tradurrà nel punteggio più alto. Chiedi a un collega fidato che non abbia familiarità con il programma proposto di rivedere la tua domanda per vedere se è chiara, concisa e convincente.

In un ambiente di ricerca di sovvenzioni di forte concorrenza, è imperativo fornire una proposta che sia chiara, energica ed eccitante per il lettore al punto che vogliono fornire supporto finanziario per il tuo programma.

13. Essere consapevoli delle migliori pratiche di grant writing

Grant writing ha un insieme diverso di linee guida rispetto alle forme alternative di scrittura. Scrivere una proposta di sovvenzione comporta la creazione di una storia coerente tra tutti gli elementi della domanda di sovvenzione. Al fine di rendere il vostro grant più competitivo, scrivere in modo conciso ed essere convincente. Usa un linguaggio che rifletta il tono dei materiali del grantmaker ed eviti il gergo e gli acronimi del settore. Quando possibile, spiega e sintetizza dati complicati in modo che chiunque possa capirli e, quando consentito, implementa infografiche e grafici personalizzati per scomporli.

Inizia la tua proposta di sovvenzione

Seguendo questi dieci suggerimenti ti metterai sulla buona strada per una strategia di ricerca di sovvenzioni di successo e un approccio di scrittura di grant. Ma essere sicuri che essi sono implementati insieme, non individualmente, per garantire che si incontrano tutte le sovvenzioni che cercano le migliori pratiche.

Vuoi saperne di più su come implementare ciascuno di questi suggerimenti nel tuo processo di ricerca delle sovvenzioni? Puoi imparare di più dai corsi di formazione CharityHowTo di Diane qui.

Informazioni sull’autore

Diane H. Leonard, GPC, Presidente di DH Leonard Consulting & Grant Writing Services, è un professionista esperto e rispettato di grant che ha fornito consulenza per lo sviluppo di grant a organizzazioni senza scopo di lucro di varie dimensioni e portata per più di un decennio. Inoltre, Diane è un relatore e formatore in-demand sui temi della preparazione delle sovvenzioni, della scrittura delle sovvenzioni e della gestione delle sovvenzioni e fornisce regolarmente la sua esperienza a un pubblico che va dalle conferenze nazionali ai consigli di amministrazione per piccole organizzazioni senza scopo di lucro.

Scopri tutti i corsi di formazione CharityHowTo di Diane qui.

Per ulteriori letture

PS: Per altre idee su come avere successo nel mondo della ricerca di sovvenzioni, dai un’occhiata a questo articolo del nostro amico a:

Grant Station-Expectations Versus Reality in Application for Grants