0 Razzi 0 razzi ×

Una delle poche cose che ricordo di aver imparato a scuola era una tecnica di rotazione della terra che ripristina la terra agricola lasciandola incolta. L’agricoltura continua della stessa terra nello stesso modo esaurisce gradualmente la sua resa crescente – a meno che non sia lasciata sola per un po’, per ristabilirsi. Questa è un’idea che è sempre bloccata, per me.

Quest’anno ricorre il 4 ° anno della Fondazione Dandelion – e ci siamo imbarcati senza le risorse materiali per il programma di eventi che avevamo gestito negli anni precedenti.

All’inizio, ho trovato che non c’erano risorse davvero frustranti. Ora, mi sto godendo l’opportunità che ha presentato e sto pensando a tutti i modi in cui questo “spazio” può essere usato per realizzare le cose.

Non organizzando eventi importanti quest’anno, abbiamo scoperto qualcosa di molto utile. Abbiamo imparato a realizzare progetti e a sviluppare la leadership senza dover fare un enorme lavoro. Abbiamo imparato a collaborare con altri eventi e persone che fanno le cose che facevamo prima, per raggiungere i nostri obiettivi. Stiamo imparando a decentralizzare e a incorporare le nostre operazioni nella comunità, il che rende molto più sostenibile e scalabile, a lungo termine.

Imparare a far accadere le cose senza fare molto è stato il nostro più grande apprendimento, negli ultimi tempi. La prossima volta che avremo risorse per i progetti, saremo molto più efficaci, come risultato del nostro periodo riparatore di “non fare”.

Questo mi ricorda il potere di non fare nulla. Dal non dire nulla in una conversazione, a prendere un anno sabbatico dal lavoro, ci sono molte applicazioni positive di creare più spazio, piuttosto che riempire lo spazio.

Potremmo ottenere molto di più facendo molto meno. Goditi i periodi di riposo. Dobbiamo promuovere il concetto che un’idea può migliorare semplicemente dandole il tempo di maturare da sola; che prendere tempo per semplicemente considerare e osservare è un atto prezioso in sé.

Viviamo in una folle cultura del fare continuo – con poca o nessuna comprensione di come il potere del solo “essere” possa avere un impatto positivo sui risultati a lungo termine. La produzione giornaliera, settimanale, mensile è così facile da misurare-eppure, il vuoto può produrre così tanto. Mi chiedo come possiamo misurare il ‘incommensurabile’ – o se abbiamo anche bisogno di. Dopotutto, un agricoltore non scava un seme ogni giorno, per controllarne la crescita. Un contadino non lavorerà nemmeno un intero campo, anno dopo anno; sapendo che i risultati migliori provengono da un periodo di recupero. Un agricoltore riconosce il valore di lasciare che le cose siano.

Nel perseguimento della produttività momento per momento, stiamo perdendo il potere intensivo dei momenti migliori.

Al potere del nulla.

Marc

0 Razzi Twitter 0 Facebook 0 LinkedIn 0 Email — 0 Razzi ×

Per favore, fatemi sapere cosa ne pensate di questo post:

Love It 419Hate It 264

Diventa un mecenate

Considera di diventare un contributore finanziario al mio lavoro.

Unisciti a me