×

News1_FatherGroppiMarch.jpg

Consigliere del Consiglio giovanile NAACP James Groppi in marcia per protestare contro la discriminazione abitativa

Il film inizia con la rottura di una cialda di comunione. Il suo soggetto è un sacerdote che ha capito la comunione come unità e comunione espandendosi attraverso le barriere dell’ingiustizia sociale. Quando l’inferno si congela: la storia di padre James Groppi ricorda il lavoro dell’attivista per i diritti civili di Milwaukee. Groppi non si accontentava di denunciare il razzismo dal pulpito della sua parrocchia cattolica. Ha contribuito a guidare e divenne un volto di spicco della lotta.

“La storia di Groppi ha un legame personale e locale che dovrebbe risuonare con l’attivismo sociale di oggi”, afferma Kevin Rutkowski, regista del documentario insieme alla moglie e collaboratrice di lunga data Lora Nigro. “Essendo cresciuto in una famiglia italiana a Bayview durante gli anni Sessanta, ero consapevole del suo impatto e delle polemiche che ha suscitato all’interno della comunità. Vorremmo introdurre una delle grandi figure storiche del movimento per i diritti civili e Milwaukee ad una nuova generazione.”

I registi di Milwaukee stanno attingendo da una vasta gamma di fotografie, tra cui scatti di Groppi che portano i manifestanti in gran parte afroamericani nei quartieri di soli bianchi e la risposta bianca arrabbiata. Un uomo teneva un cartello che diceva: “Padre Groppi riposa all’Inferno.”

“Lottare per la giustizia sociale richiede di uscire dalla propria “tribù” o zona di comfort, la lente predefinita attraverso la quale la maggior parte di noi forma le nostre opinioni. È qui che entra in gioco l’empatia, lo strumento dell’attivismo. Se quella tribù è razza, genere, appartenenza religiosa o politica, la ragione pratica per difendere il “minimo dei nostri fratelli” è che ognuno di noi potrebbe potenzialmente trovarci in quella categoria. In questo modo non è solo morale o semplicemente, è autoconservazione”, dice Rutkowski.

Groppi lavorò in tandem con un gruppo dal nome provocatorio, I Commandos. Il gruppo NAACP impegnato nella sensibilizzazione sociale e comprendeva un coro per bambini e un gruppo vocale adulto che ha cantato ai raduni a Milwaukee e in tutto il Midwest. “Ci sono registrazioni esistenti che sono state trasferite a vari media nel corso degli anni. Speriamo di inserirlo nel film”, dice Nigro, aggiungendo di aver intervistato la vedova di Groppi, Margaret Rozga (sposata dopo aver lasciato il sacerdozio) “e alcuni dei Commandos che si sono offerti di metterci in contatto con altri che hanno lavorato a stretto contatto con lui.”

All’indomani del 1960, Groppi guidò un autobus per il sistema di transito della contea di Milwaukee. “Il nostro documentario è incentrato sull’uomo dietro il collare. Siamo interessati a ciò che lo ha spinto ad agire per tutta la sua vita. Sembrava avere molto da perdere e poco da guadagnare. Speriamo di catturare quei 55 anni di servizio”, dice Rutkowski.

Il documentario sarà completato entro la fine dell’anno. Per guardare il trailer di When Hell Freezes Over, visita https://youtu.be/GB4wnmew0Qs