Evangeline Booth è nato a Londra nel 1865. I suoi genitori erano i fondatori dell’Esercito della Salvezza. Eva era il suo nome di nascita. Ma lei lo cambiò in Evangeline pensando che suonasse più impressionante. Non era necessario. Era impressionante senza il cambio di nome.

Bere un grande male

Sia Evangeline Booth che l’Esercito della Salvezza consideravano bere un grande male. Lo incolparono di molte sofferenze umane. Come generale del gruppo religioso, ha riassunto questa convinzione.

Bevanda ha svuotato più di sangue,
Appeso più crepe,
Venduto più di case,
Immerso più persone in fallimento,
Armati più cattivi,
Ucciso più figli,
Sbottò più anelli di nozze,
Contaminato più innocenza,
Accecato di più gli occhi,
Twisted più arti,
Detronizzato motivo in più,
Distrutto più virilità,
Dishonored più femminilità,
Rotto cuori,
fatto Saltare più vite,
Spinto al suicidio, e
Scavate tombe di qualsiasi altro avvelenato piaga che mai spazzato la sua morte-trattare le onde di tutto il mondo.1

Divieto nazionale

Sotto la guida di Evangeline Booth, l’Esercito della Salvezza sostenne fortemente il divieto nazionale. Esisteva dal 1920 al 1933. Quando un editore le chiese le sue opinioni sul proibizionismo nel 1923, rispose con entusiasmo.

Evangeline Booth
Evangeline Booth

È meraviglioso! Meraviglioso! Se ci volessero cinquant’anni per ottenere il liquore completamente fuori dal paese, cancellato dalle strade, lavato dalle cantine, ne varrebbe mille volte la pena. Il raggiungimento del divieto in un paese organizzato come questo, è uno dei più grandi successi della storia. Pensate ai molti oggi che non hanno mai avuto cinquanta centesimi nelle loro mani, che ora hanno conti bancari. Pensate alle molte donne che non hanno mai ricevuto un centesimo dal salario dei loro mariti, dal momento che tutto il denaro è andato nella ricca fabbrica di birra, che ora hanno una somma regolare da spendere per se stessi e per i loro figli. Perché se tutti gli altri lottassero per tenere lontano il proibizionismo, le migliaia di ubriaconi e ubriachi riformati combatterebbero per tenerlo qui.2

Evangeline Booth sosteneva che bere era una “indulgenza maschile” che danneggiava le donne. Ironia della sorte, è stato il divieto che per la prima volta ha reso socialmente accettabile per le donne bere pubblicamente con gli uomini.

La Salvezza aveva combattuto con successo per la Proibizione. Ha combattuto invano contro l’abrogazione.