257

Sì, mi hai sentito bene. Sei sostituibile. E questo dovrebbe essere un sollievo per te. Molte volte sentiamo che il lavoro che facciamo è così unico e che senza di esso l’azienda/industria/economia/mondo cadrà a pezzi senza di noi. A un certo punto ci ho creduto, ma in realtà questa è tutta una grande illusione. All’inizio, questa realizzazione può essere abbastanza deprimente. Lo ero per me. Dopo tutta la scuola e la formazione, notti insonni su chiamata e la tortura delle mie ghiandole surrenali, se un grosso masso dovesse cadere su di me stile Wile E. Coyote

La vita sarebbe andata avanti. Alcuni piangerebbero, le lacrime potrebbero anche essere versate mentre la gente parlava della mia esagerata suggestione al mio funerale, e poi then la vita sarebbe andata avanti. Sarei stato sostituito al lavoro entro pochi mesi con una persona di formazione simile (e forse anche di bell’aspetto). La gente sarebbe step-up nell’intervallo e soddisfare le esigenze del mondo che stavo fornendo. Amici e familiari sarebbero poi andare avanti con le loro vite. In un batter d’occhio su scala cosmica, purtroppo sarò dimenticato.

Non sei speciale. Non sei un fiocco di neve bello e unico. Sei la stessa materia organica in decomposizione di tutto il resto. Facciamo tutti parte dello stesso mucchio di compost. Cantiamo tutti, balliamo tutte stronzate del mondo.

Grazie Tyler Durden. Lo ammetto; una volta ho sofferto di “sindrome speciale del fiocco di neve”. Dopo tutto, queste idee sono forate nelle nostre teste fin dal primo giorno dai nostri genitori, insegnanti e persino (forse più insidiosamente) dagli inserzionisti. Dai ammettilo, quelle pubblicità intelligenti ti fanno sentire dannatamente unico. ‘Non c’è nessuno come te; sei 1 su un milione!’*

Ricorda, se tutti sono speciali, nessuno lo è.

Merda! Ho anche se questo blog era sulla felicità? Sembra una cosa piuttosto negativa. Forse questo sito dovrebbe essere chiamato Il filosofo deprimente e malinconico.

Ora, prima di scoppiare la musica country e bourbon vediamo come possiamo usare queste informazioni a nostro vantaggio. Inizialmente ero un po ‘ depresso quando ho capito che non ero la piccola farfalla unica che i miei genitori mi hanno detto che ero, ma più ci pensavo, mi sono reso conto che questo era in realtà uno dei concetti più liberatori e importanti su cui mi sono imbattuto. Abbiamo più libertà di quanto pensiamo perché il mondo non cadrà a pezzi in nostra assenza. Se il mondo non crollerà a causa delle mie decisioni, allora non ho motivo di sentirmi in colpa o vergognarmi delle scelte che faccio.

Perché il mondo non crollerà?

Gli esseri umani sono stati la specie di maggior successo e dominante su questo pianeta per le ultime migliaia di anni, espandendo la nostra impronta a quasi ogni ambiente possibile. Ci sono molte ragioni per questo, ma forse le più grandi sono la nostra capacità di lavorare insieme per raggiungere un obiettivo più grande e la persistenza delle nostre conoscenze attraverso l’uso della lingua parlata e scritta. A differenza di altre specie, possiamo adattarci a un mondo che cambia attraverso qualcosa di diverso dalla selezione naturale attraverso la genetica – un processo notoriamente lento e disordinato. Questo è ciò che rende gli esseri umani una forza così dominante nel mondo, la nostra resilienza, persistenza e flessibilità.

Questo significa famiglia, comunità e, soprattutto (sarcasmo) l’azienda per cui lavori sopravviverà senza di te. Si evolverà e si adatterà. Ci può essere distruzione creativa, ma il mondo andrà avanti. Non importa. Non mi importa se sei un dittatore di un piccolo paese o CEO di qualche organizzazione che produrrà il prossimo widget che cambierà il corso dell’umanità, sei sostituibile.

So che questa roba suona tipo di contro-intuitivo e sbagliato, dopo tutto se Steve Jobs non ha fatto la sua cosa non avremmo smartphone e iWatches giusto? Che dire di Madre Teresa, Gandhi, e il ragazzo che ha inventato Google? Certamente non sono sostituibili!

Sbagliato. Sono sostituibili come te. Le persone sembrano così importanti solo a causa di un difetto cognitivo molto importante chiamato “bias di sopravvivenza”. Possiamo vedere solo una realtà perché, beh, c’è solo una realtà. Vediamo l’unico filo dell’esistenza che è sopravvissuto e quindi non possiamo davvero immaginarne un altro. Questo rende tutte queste grandi persone sembrano ultra-importante e insostituibile, quando tutto ciò che in realtà ha fatto è stato sopravvivere. Ciò che non si sa è come sarebbero andate le cose se avessero semplicemente smesso di fare quello che stavano facendo e deciso di seguire un percorso diverso. Forse Steve Jobs ha lasciato il suo lavoro al computer all’età di 30 anni e ha iniziato una piccola azienda che fornisce informazioni di livello mondiale su come allevare lama. Forse lo smartphone e il tablet non vengono mai inventati. Merda! Cosa diavolo dovremmo fare!?!

llamas-97337_1280

Bene, qualche altro imprenditore o azienda avrebbe prosperato in questo vuoto e avrebbe sviluppato qualcos’altro. Gli investimenti e le risorse che sono andati in iPhone sarebbero andati in qualcosa di diverso. Chissà, potrebbe anche essere più fresco quello che abbiamo ora. Forse avremmo tutti le porte USB 6 nella parte posteriore dei nostri teschi e ci colleghiamo direttamente a una grande coscienza matrice. Probabilmente no but ma non lo sapremo mai con certezza. Inoltre è impossibile sapere che Steve Jobs non avrebbe fatto qualcosa di ancora più sorprendente di quello che ha fatto ad Apple. Forse avrebbe iniziato una società che ha rivoluzionato l’industria lama, risolvendo contemporaneamente il cibo del mondo, trasporto e ‘conveniente ma caldo e traspirante’ problema maglione.

Il mio punto è che qualunque lavoro tu abbia ora, il mondo può sostituire ciò che fai o trovare un’alternativa senza perdere un colpo. La natura aborrisce il vuoto. Se quello che hai fatto è stato prezioso e fantastico, qualcun altro imparerà a farlo perché gli umani sono implacabili nella loro ricerca di avanzamento. Ci sono 7,3 miliardi di noi che vagano in giro pronti a prendere il gioco.

Ora questo è abbastanza radicale per alcuni da accettare, quindi permettetemi di chiarire qualcosa mentre state digitando quelle risposte arrabbiate nella sezione commenti.

Sei assolutamente sostituibile e inutile al ‘mondo’ ma sei tutto e insostituibile al ‘tuo mondo’. C’è un’enorme differenza qui. Ognuno di noi è al centro assoluto del nostro universo. Ogni pensiero, emozione e desiderio che hai coinvolge quel piccolo blob grigio squishy che è nel tuo cranio. Questo è il motivo per cui ci sentiamo così importanti, perché siamo importanti nei nostri mondi personali. Ricorda questo la prossima volta che qualcuno ti dice che non sei sostituibile. È il loro mondo, non il tuo da cui proviene. Comprendere questo concetto può rendere più facile iniziare a dire no agli obblighi che non ti si addicono.

Non ascoltare nessuno che usa l’argomento che dovresti continuare a lavorare fino a 65 anni o ogni volta perché devi qualcosa al mondo. Non lo fai. Ancora più importante non ascoltare quella voce nella tua testa che ti dice di continuare a lavorare perché sei ‘necessario’ e sarai ‘deludendo la gente’ se esci. Sei sostituibile. Non importa. Ripeti questo mantra.

Lavora perché ciò che fai è significativo per te e ti porta gioia. Se il tuo lavoro non lo fa, allora lavora abbastanza a lungo per diventare finanziariamente libero e andare a fare qualcosa che ti porti gioia (come l’agricoltura di lama). Se davvero odiate il vostro lavoro quindi considerare smettere prima indipendenza finanziaria e fare qualcos’altro. Creare qualcosa di significativo. La vita è troppo breve.

Qualunque abilità e talento unici tu abbia, il tuo mondo ne ha bisogno, ma il mondo andrà bene, non importa quale.

Molte persone semplicemente rifiuteranno di crederci. Non fa niente. Non possiamo staccare tutti da matrix. Esiste per una ragione. Come ho detto, questa idea è contraria alla nostra intuizione e va contro tutto ciò che ci viene insegnato, ma accettare questa piccola verità e cambiare la tua mentalità ti renderà libero.